Citazioni casuali

Citazioni in
Ordinate per
Autore
Argomento
Testo
9751 citazioni  
Il vero male non è il male, ma la mescolanza del bene e del male.
Non l'originalità della dottrina ma la divinità di Cristo determina l'importanza del cristianesimo.
E la paura del nemico distrugge il rancore al suo riguardo.
A volte è meglio tacere e sembrare stupidi che aprir bocca e togliere ogni dubbio.
Ogni nostro atto può farci acquisire crediti o debiti, apprezzamento o disprezzo, simpatia o antipatia agli occhi di qualcuno.
[La matematica] è lo studio di costruzioni ideali (spesso applicabili a problemi reali) e la scoperta attraverso di esso di relazioni prima sconosciute tra le parti di queste costruzioni.
L'uomo moderno è un prigioniero che si crede libero perché evita di toccare i muri della cella.
Non siamo liberi di credere in alcuna cosa, nemmeno nel libero arbitrio. La decisione di credere o non credere in qualcosa è involontaria.
Nel tumulto degli uomini e degli avvenimenti, la solitudine era la mia tentazione. Adesso è la mia compagna. Di che cos'altro accontentarsi quando si è incontrata la Storia?
Ci si deve schierare con gli oppressi in ogni circostanza, anche quando hanno torto, senza tuttavia dimenticare che sono impastati con lo stesso fango dei loro oppressori.
La religione si è quasi sempre arrogata il diritto esclusivo di amministrare la violenza e la sessualità.
Ricordati di spogliare gli avvenimenti dal tumulto che li accompagna e di considerarli nella loro essenza: capirai che in essi non c'è niente di terribile se non la nostra paura.
Le grandi menti hanno sempre incontrato una violenta opposizione da parte di quelle mediocri.
Cristo si sacrificò per noi. Il terzo giorno si pentì e risorse.
È giunta l'ora di farla finita con la favola millenaria secondo cui felicità, beatitudine e serenità sono mete desiderabili della vita. Troppo a lungo ci è stato fatto credere, e noi ingenuamente abbiamo creduto, che la ricerca della felicità conduca infine alla felicità.
Non ci vuole molto ingegno per essere normali.
Tutti al mondo sono poeti, perfino i poeti.
L'amore è il sentimento più misterioso e mistificato.
Quando, in questo mondo, un uomo ha qualcosa da dire, la difficoltà non sta nel fargliela dire, ma nell'impedirgli di dirla troppo spesso.
Dove vien meno l’interesse, vien meno anche la memoria.
Discorsi o idee intelligenti si possono esporre soltanto ad una società intelligente; nella comune invece riescono odiosi poiché per piacere a questa è assolutamente necessario essere superficiali e di cervello limitato.
Chi perdona un delitto ne diventa complice.
L'amore non esiste. È un nome inventato per mistificare e nobilitare il piacere, il desiderio e il bisogno di avere e di dare.
La salita più rapida è anche la più ripida!
Un individuo non è mai solo, ma è sempre interiormente e inconsciamente accompagnato da un Altro ideale, una persona che egli spera sempre di incontrare in uno o più altri individui nella vita reale.
Nessun comportamento è disinteressato. Tuttavia gli interessi possono essere molto diversi, da quelli più materiali a quelli più spirituali.
Una relazione sociale si rompe quando una delle parti non riesce più a trattenersi dal dire all'altra che è stupida e/o cattiva.
Il modo migliore per realizzare un sogno è quello di svegliarsi.
Saper scegliere è più importante che saper fare.
Non ci si può aspettare rispetto da chi non lo ha nemmeno per sé stesso.
La bellezza fa sembrare vero ciò che è falso, nobilita ciò che è ignobile, dà un senso a ciò che è insensato, incanta e in tal modo diminuisce la capacità critica. Per questo la bellezza viene normalmente usata per accompagnare ogni rito di appartenenza sociale civile e religioso.
È un fatto che all'uomo fa piacere vedersi davanti umiliato anche il suo migliore amico; è proprio sull'umiliazione che si fonda in gran parte l'amicizia, e questa è una vecchia verità, ben nota a tutte le persone intelligenti.
Io sto morendo ma quella puttana di Emma Bovary vivrà in eterno.
Felicità è amare ciò che si ha, non provare invidie né gelosie, non temere il futuro, conoscere e accettare i propri limiti, poter esercitare le proprie capacità, avere buoni rapporti con gli altri e poter soddisfare a sufficienza i propri bisogni innati.
Marx affermava che il lusso è un vizio esattamente come la povertà e che dovremmo proporci come meta quella di "essere" molto, non già di "avere" molto. (Mi riferisco qui al vero Marx, all'umanista radicale, non alla sua volgare contraffazione costituita dal «comunismo» sovietico.)
Un quoziente intellettivo relativamente basso ti permette di godere della compagnia di tutti.
Gli uomini sono uomini. Bisogna cercare di renderli migliori e a questo scopo per prima cosa giudicarli con spregiudicato e indulgente pessimismo. In quasi tutte le mie azioni sento un elemento più o meno forte di interesse personale, egoismo, viltà, calcolo, ambizione, perché non dovrei cercarlo anche in quelle degli altri? Perché ritrovandolo dovrei condannarlo severamente?
Adeguati al tono della compagnia in cui sei.
Un essere umano non può fare a meno di interagire con altri esseri umani, ma i più fortunati possono scegliere con chi e come interagire.
Pregare, altro vizio solitario.
Per filosofare bisogna distanziarsi dalla vita. Per questo non bisogna filosofare troppo spesso né troppo a lungo.
I nativi costumi, e sopra tutto quello della natural libertà, non si cangiano tutti ad un tratto, ma per gradi, e con lungo tempo
Spesso il vivere a lungo non è un lungo vivere ma è un lungo morire.
L'errore dei populisti è credere e far credere che le cose vadano male per colpa dei cattivi politici e non del cattivo popolo.
È molto dubbio che la filosofia possa essere oggi identificata con alcunché di univoco ed unitario.
Ciò che importa non è la vita eterna, ma l'eterna vivacità.
Una filosofia ne supera un'altra solo quando definisce con maggior precisione lo stesso mistero insolubile.
Per dirla senza mezzi termini ma in modo corretto, chiunque oggi dubiti che la varietà della vita su questo pianeta sia stata prodotta da un processo di evoluzione è semplicemente ignorante - un'ignoranza ingiustificata, in un mondo in cui tre persone su quattro hanno imparato a leggere e scrivere.
Non siamo un movimento, siamo piuttosto una religione.
Il Paradiso non è più lontano
Della camera accanto -
Se in quella camera un amico attende
Felicità o rovina.
Che forza c'è nell'anima
Che riesce a sopportare
L'accento di un passo che si appressa -
una porta che si apre.
Dio è l’unico essere che, per regnare, non ha nemmeno bisogno di esistere.
Per stare in pace con gli altri non basta tollerare i loro difetti. È necessario non vederli.
La felicità è una ricompensa che giunge a chi non l'ha cercata.
Il vero guaio della guerra moderna è che non da a nessuno l'opportunità di uccidere la gente giusta.
È assurdo dividere le persone in buone o cattive. Le persone sono deliziose o noiose.
L'intelligenza di una persona disturba i meno intelligenti perché li fa sentire tali.
La bellezza è un'attraente dimostrazione di intelligenza (naturale o artificiale) o di salute fisica.
Il modo migliore per predire il futuro è inventarlo.
Tutti si vogliono salvare, ma non dagli stessi inferni e non negli stessi modi.
La sincerità è un lusso che pochi possono permettersi impunemente.
Non mancare mai di rispetto alla buona società... solo chi non riesce ad accedervi lo fa.
Molti raccontano i loro dolori con l'enfasi di chi al mondo ha provato per primo i mali più grandi. Con un compiaciuto vittimismo nello sguardo, sottolineano anche l'eroismo o il privilegio di essere sopravvissuti; quasi come se gli altri, di disgrazie anche peggiori, non ne avessero mai avute!
La morte di un uomo è meno affar suo che di chi gli sopravvive.
Il letterato è sostanzialmente un attore che recita la parte dell'esperto.
L’occhio vede nelle cose solo quello che vi cerca, e vi cerca solo quello che già esiste nella mente.
I limiti del mio linguaggio significano i limiti del mio mondo.
Quando si vuole riuscire simpatici in società bisogna rassegnarsi a lasciarsi insegnare molte cose da gente che le ignora.
Quasi nessuno si lamenta per il fatto di essere nato in una certa famiglia e in certo paese, e quasi tutti accettano e onorano entrambe le cose come se non avessero potuto avere di meglio.
Il pubblico adora i grandi semplificatori.
La vita sociale è essenzialmente pratica. Tutti i misteri che sviano la teoria verso il misticismo trovano la loro soluzione razionale nell'attività pratica umana e nella comprensione di questa attività pratica.
Per conoscere se stessi è indispensabile confrontarsi con gli altri e capire in cosa e in quale misura siamo diversi.
Se si vuole essere creduti non conviene mai dire la verità.
Il successo produce successo, come il denaro produce denaro.
Un po' di cultura e molta memoria, congiunte a una certa arditezza nelle opinioni e nell'andar contro ai pregiudizi, danno le apparenze di una grande intelligenza.
L’uomo di carattere ha idee fisse su cosa sia giusto e cosa sia sbagliato: la sua fissazione è il problema.
Filosofia. Strada con molte diramazioni, che conduce dal nulla a nessun posto.
La più umile specie di superbia è l'orgoglio nazionale. In chi ne è affetto esso rivela infatti la mancanza di qualità individuali delle quali potrebbe andare orgoglioso; altrimenti non ricorrerebbe a ciò che condivide con tanti milioni di individui.
Domanda da fare all'interlocutore quando una discussione diventa sterile: "secondo te, il mio pensiero e il tuo sul tema in oggetto (1) sono contraddittori e quindi incompatibili,(2) sono entrambi validi e quindi si completano, o (3) si ignorano reciprocamente come se ciascuno ritenesse l'altro irrilevante?"
Un uomo senza religione è come un pesce senza bicicletta.
Nella vita, la donna ha più cagioni di sofferenza dell'uomo e soffre, in realtà, più di lui.
Siamo tutti marionette guidate dai meccanismi neurologici del piacere e del dolore e dalla previsione del piacere e del dolore, ognuno con le sue particolari mappe sentimentali.
La serenità è il frutto della rassegnazione all'incertezza.
Così come l'organismo distrugge i neuroni inutilizzati, la psiche rimuove i bisogni la cui continua frustrazione è eccessivamente dolorosa.
La cognizione di qualunque essenza è il prodotto di classificazioni. Infatti "essere" una certa cosa significa appartenere ad una certa classe di cose.
Libertà e solitudine si accompagnano perché ci sono tante cose che a un umano è vietato fare, dire e perfino pensare in compagnia di altri.
Il mondo è eterno, ma le sue singole parti non sono sempre uguali.
I pregiudizi han più sugo, talvolta, dei giudizi.
Ognuno sceglie i maestri adatti a sé.
Nel mondo non si ha altra scelta che quella tra la solitudine e la volgarità.
Un individuo può agire, verso gli altri, nei seguenti possibili modi: condividere, cooperare, competere, ignorare, adattarsi, imporsi, isolarsi, emigrare.
Tu cerchi di possedere, e più ci provi, più l’amore si rivela qualcosa di impossibile, e più l’altro inizia ad allontanarsi da te. Meno possiedi, più ti senti vicino all’altro. E se non possiedi affatto, se tra gli amanti scorre libertà, si ha un grande amore.
La mia è una visione apocalittica. Ma se accanto ad essa e all’angoscia che la produce, non vi fosse in me anche un elemento di ottimismo, il pensiero cioè che esiste la possibilità di lottare contro tutto questo, semplicemente non sarei qui, tra voi, a parlare.
Ai molto giovani manca l'esperienza e ai molto vecchi non serve più.
La mente è un sistema informatico.
Lo scopo di una psicoterapia dovrebbe essere quello di modificare o neutralizzare le risposte cognitivo-emotive alla percezione di certe idee, immagini e/o domande.
L'immagine consiste nell'essere i suoi elementi in una determinata relazione l'uno all'altro.
Il mezzo più sicuro per non essere molto infelici è la rinuncia a pretendere di essere molto felici.
Esercitare il libero arbitrio significa scegliere consapevolmente e volontariamente a cosa pensare e con chi/cosa/come interagire. Tale scelta è limitata alle opzioni di pensiero e di interazione di cui si è consapevoli nel momento della scelta.
Voglio dire che un uomo tanto meno o tanto più difficilmente sarà grande quanto più sarà dominato dalla ragione
La società è come un puzzle di cui uno può far parte solo se ha una forma adatta alle forme degli altri.
9751 citazioni