Citazioni su Scrivere

Citazioni in
Ordinate per
Autore
Tema
Testo
43 citazioni     Mostra come lista

Chi ha da dire qualcosa di nuovo e di importante ci tiene a farsi capire. Farà perciò tutto il possibile per scrivere in modo semplice e comprensibile. Niente è più facile dello scrivere difficile.
 
Molti scrittori scrivono libri che essi stessi non leggerebbero mai.
 
Non riesco a capire perché una persona debba impiegare un anno a scrivere un romanzo quando può facilmente comprarne uno per pochi soldi.
 
Scrivere non è predicare una verità. È scoprirla.
 
Quelli che scrivono in modo oscuro hanno una bella fortuna: avranno dei commentatori. Gli altri avranno soltanto dei lettori, il che, sembra, è spregevole.
 
Occorrerebbe per la penna, come si usa per ogni micidiale strumento, il porto d'armi.
 
Dire le stesse cose con parole diverse facilita la comprensione del testo.
 
Chi scrive per il suo tempo, disperi di sopravvivergli.
 
L'arte di un autore, sta nel cancellare.
 
Scrivere sarebbe facile se la stessa frase non apparisse alternativamente, a seconda del giorno e dell'ora, mediocre o eccellente.
 
Ci sono due specie di scrittori. Quelli che lo sono, e quelli che non lo sono. Nei primi forma e contenuto stanno insieme come anima e corpo, negli altri forma e contenuto vanno insieme come corpo e vestito.
 
I buoni scrittori hanno in comune due cose: preferiscono l'essere capiti all'essere ammirati; e non scrivono per i lettori aguzzi e troppo sottili.
 
Il motto di spirito è l'epigramma sulla morte di un sentimento.
 
Quando io dico una cosa, essa perde subito e definitivamente la sua importanza; quando la scrivo la perde lo stesso, ma talvolta ne acquista una nuova.
 
Una narrazione è tanto più interessante quanto meno si sa o si può immaginare come va a finire. Perciò siamo attratti da nuove narrazioni. Di ciò dovrebbero tener conto i narratori.
 
Per scrivere una buona lettera d'amore, bisogna iniziare senza sapere che cosa si vuole dire e finire senza sapere che cosa si è scritto. 
 
La parola ferisce, la parola convince, la parola placa. Questo, per me, è il senso dello scrivere.
 
Parlare e scrivere sono mezzi per manipolare i pensieri di lettori e ascoltatori.
 
Non c'è niente di meglio che scrivere per obbligarti a pensare e per riordinare le idee. Se non riesci a scriverlo, allora non ci hai pensato davvero.
 
Certi libri sembrano scritti non perché leggendoli si impari, ma perché si sappia che l'autore sapeva qualche cosa.
 
Voglio scrivere un libro intitolato "Vietato leggere questo libro". Così forse qualcuno mi leggerà.
 
Non vi è nulla di più facile che scrivere in modo che nessuno possa capire; come, invece, nulla è più difficile che esprimere pensieri significativi in modo che ognuno debba comprenderli. L'astrusità è parente dell'assurdità, e ogni volta è infinitamente più probabile che essa celi una mistificazione piuttosto che una qualche intuizione profonda. […] Un autore nulla dovrebbe temere più del palese sforzo di far vedere più spirito di quanto non abbia; ciò, infatti, risveglia nel lettore il sospetto che abbia assai poco spirito.
 
Ognuno sceglie gli autori adatti alla propria ignoranza.
 
Ogni lettore, quando legge, legge se stesso. L'opera dello scrittore è soltanto una specie di strumento ottico che egli offre al lettore per permettergli di discernere quello che, senza libro, non avrebbe forse visto in se stesso.
 
Ho sempre messo nei miei scritti tutta la mia vita e tutta la mia persona. (...) Ignoro cosa possano essere i problemi puramente intellettuali.
 
I poemi lunghi sono la risorsa di quegli imbecilli che non ne sanno scrivere di brevi.
 
Se un lettore coscienzioso trova che un passaggio è oscuro, questo deve essere riscritto.
 
L’arte di scrivere consiste nel far dimenticare al lettore che ci stiamo servendo di parole.
 
Ho scritto un racconto più lungo del solito, semplicemente perché non ho avuto il tempo per farlo più corto.
 
Il vero problema dello scrivere non è tanto di sapere ciò che dobbiamo mettere nella pagina, ma ciò che da questa dobbiamo togliere.
 
Lo scrittore è un uomo che più di chiunque altro ha difficoltà a scrivere.
 
Fu un giorno fatale quello nel quale il pubblico scoprì che la penna è più potente del ciottolo, e può diventare più dannosa di una sassata.
 
Credendo di dire ciò che vuole, lo scrittore dice solo ciò che può.
 
Pensare è come parlare con un amico immaginario.
 
Scrivere è un mezzo per esercitare un potere sugli altri o su se stessi. Infatti ogni scritto che viene letto influenza in qualche nodo e in qualche misura la mente del lettore.
 
Un grande scrittore è di solito meno intelligente di tanti scrittori minori.
 
Uno scrittore deve rifiutare di permettersi di essere trasformato in un'istituzione.
 
Ciò che è stato scritto senza passione, verrà letto senza piacere.
 
Scrivere [...] è un'attività complessa: è, insieme, preferire l'immaginario e voler comunicare; in queste due scelte si manifestano tendenze assai diverse e a prima vista contrastanti. Per pretendere di sostituire un universo inventato al mondo esistente, bisogna rifiutare aggressivamente quest'ultimo: chiunque vi stia dentro come un pesce nell'acqua e pensi che tutto va bene, non si metterà certo a scrivere. Ma il desiderio di comunicazione presuppone che ci si interessi agli altri; anche se nel rapporto dello scrittore con l'umanità entra dell'inimicizia e del disprezzo.
 
Il mio tempo non è ancora venuto. Alcuni nascono postumi.
 
Scrivere è un modo di parlare senza essere interrotti.
 
Parlare è più spontaneo che scrivere. Infatti, la scrittura consente un tempo lungo quanto si vuole per riflettere e controllarsi tra l'emergere di un'idea e la sua espressione.
 
Non si scrive perché si ha qualcosa da dire ma perché si ha voglia di dire qualcosa.
 
43 citazioni     Mostra come lista